Interviste

Intervista all’autore: Diego Tarchini

Buongiorno a tutti,

col nuovo anno tornano le interviste agli autori. Oggi vi propongo quella a Diego Tarchini e al suo libro “Nina perchè2”

Biografia

Diego Tarchini è Architetto con Dottorato di Ricerca in Architettura degli Interni e Allestimento, conseguito presso il Politecnico di Milano.
Illustratore, Professore di Disegno, Tutor nella didattica a bambini con Disturbi dell’Apprendimento delle Scuole Primarie.

Intervista

1 – Com’è nata la passione per il disegno e l’idea di dedicare un libro a Nina?

Maria Chiara ed io siamo architetti e designer, Maria Chiara ha un laboratorio di oggetti artigianali di Design fatti a mano e ovviamente disegnati da lei, www.sauro13.com

Io disegno da sempre, leggiamo fumetti da sempre, a casa nostra si disegna per qualsiasi motivo. A volte progettiamo sui tovaglioli di carta, quando siamo al ristorante.

Quando Anna (Nina) era piccola abbiamo cominciato a disegnare gli animali della fattoria o quelli della savana, a seconda delle sue richieste. Successivamente a disegnare noi stessi. Abbiamo pensato di usare il fumetto per raccontare la sua storia online anziché postare le sue foto: ci sembrava più divertente e creativo.

2 – Quanto tempo ci impiegate a creare una vignetta?

Quelle con due battute pochissimo, quelle più articolate anche un paio d’ore per quattro o cinque battute. Dipende dai cambi di espressione, dall’ambientazione, da quanti personaggi intervengono.

3 – Mi descriveresti il libro con tre aggettivi?

Quale, il primo o il secondo? Il primo è stata una prova, un tentativo, un salto nel vuoto. Quindi: difficile, coraggioso, voluto (fortemente).
Il secondo è venuto di conseguenza, era già pronto dopo due mesi dall’uscita del primo, ma doveva dimostrare che “Nina, perché?” non era una cosa buttata lì, doveva consolidare il lavoro del precedente. Quindi: necessario, (più) maturo, (più) completo.

4 – Un pregio ed un difetto di Nina?

Un pregio è che è vera. Pur essendo un personaggio dei fumetti, le battute non sono degli autori, ma sono le vere parole di una bambina. Non c’è un adulto dietro quello che dice, c’è la schiettezza e l’irriverenza dei bambini.

Il difetto è che non è facile da collocare all’interno di categorie commerciali: non è una favola per bambini scritta da adulti, e non è una graphic novel. Sono strisce autoconclusive per bambini, genitori e nonni. Ai lettori è piaciuto molto anche il Numero 2, siamo tutti entusiasti. Anche ad alcuni editori era piaciuto ma poi non siamo riusciti a concretizzare perché non sapevano “in che scaffale della libreria metterlo” (oltre a vari cavilli contrattuali), quindi abbiamo continuato da soli. In queste prime tre settimane abbiamo venduto quasi 300 copie, ancora autopubblicati su Amazon.

5 – Ti piacerebbe scrivere un romanzo (magari arricchito con delle illustrazioni)? 

Forse sì, magari a più mani. Non da solo sicuramente.

6 – Puoi anticiparci se avete in progetto un altro libro?

Certo. Stiamo lavorando al Numero 3, in uscita a Pasqua 2019. Il cliffhanger è nell’ultima vignetta del secondo.

7 – Oltre alla scrittura e al disegno quali sono le altre tue passioni?

Sono un appassionato di Hip Hop fin da ragazzino, ho iniziato a 16 anni coi vinili di Curtis Blow e Run DMC, Public Enemy e Beastie Boyz. Tutto quello che appartiene alla cultura Hip Hop fa parte della mia vita e della mia crescita come persona. Sono un ex rugbista e seguo il Football NFL, anche se ho poco tempo.

Sono un grande appassionato di Fantascienza; in casa siamo tutti cultori di Cinema, Arte visiva, Fumetti, Grafica e dalla mamma ho ereditato la passione per la buona cucina.

8 – Quali sono i tuoi autori e libri preferiti: potete citarmene un paio?

Autori: Piergiorgio Odifreddi, Philip K.Dick,

Due libri che consiglio: Giovanni Gasparini – Interstizi e universi paralleli, Bobby Sands – Un giorno della mia vita

9 – Infine una curiosità: qual è stato il tuo ultimo libro che hai comprato e/o letto?

Bruno Mautone – Chi ha ucciso Rino Gaetano?

Grazie !!!

A presto.

Gabrio

 

 

 

Share:

Scrivi un commento