Interviste

Ragazzi tra le pagine: Giuseppe De Stefano

Ciao lettrici e lettori,

per quanto riguarda le interviste ai vari componenti del progetto “Ragazzi tra le pagine” di cui faccio parte, vi propongo, questa settimana, quella a Giuseppe De Stefano. Il suo nome social è “La biblioteca del Corsini”

Intervista

1 – Iniziamo con una tua breve presentazione: di dove sei, che cosa fai nella vita ecc. :

Mi chiamo Giuseppe De Stefano, abito a Casalnuovo, un paese della provincia nord-est di Napoli, e sono uno studente di Medicina in perenne ansia da esame 😝

2 – Tu oltre ad essere un book blogger sei anche uno scrittore: ci parli del tuo libro? :

Certo! Si intitola “Le cronache di Susetta – la zanzara che non s’arricetta”, ed è un libro umoristico nel quale la protagonista, una zanzara a simpaticamente rompiscatole, si fa perennemente beffe della sua controparte, l’umano (fantasiosamente chiamato Peppino) nella cui stanza si è voluta stabilite per tutta l’estate. Ne nascono gag, scaramucce, invenzioni di ogni genere e qui e là lascio piccoli spunti di riflessione. (Adoro, pur nel sorriso, poter lasciare un messaggio e spero di esserci riuscito con Susetta🤗)

3 – Come ti descriveresti con tre aggettivi?

Aperto, diplomatico e (ahimè! 😅) pigro.

4 – Di solito quando preferisci leggere? Sottolinei mentre leggi? Cosa usi come segnalibro? Con quale criterio è ordinata la tua libreria?

I miei momenti migliori per leggere sono a primo mattino (mi fa carburare il cervello) e la sera a letto, però riesco anche a ritagliarmi uno spazio a ora di pranzo 😝; uso segnalibri (ne ho a bizzeffe) e sono solito fare un’orecchietta alla pagina in cui ho trovato una frase che mi ha colpito.

No, non sottolineo😆 la frase mi piace anche “cercarla” all’interno della pagina contrassegnata; mi serve anche per capire se quella data cosa, a distanza di tempo, mi colpisce ancora, per capire come e se sono cambiato nel frattempo 😊 la mia libreria è “espansa” in tutta casa 😆 cerco di tenerla ordinata per edizioni, per saghe (tipo, ho delle “nicchie di libreria” dedicate alla saga de La Torre Nera di Stephen King, un’altra dedicata a Harry Potter della Rowling, un’altra al commissario Ricciardi di de Giovanni…), poi ho un mensolone “miscellanea”, dove tutto ciò che non ha trovato collocazione altrove è riposto lì, in ordine di altezza 😆

5 – Oltre alla lettura e alla scrittura hai altre passioni e hobby?

Sicuramente cinema e serie tv (pur preferendo in genere un film a una serie), poi un tempo suonavo il pianoforte e la chitarra, ma (soprattutto per quanto riguarda il pianoforte) sono passioni che ho dovuto mettere in pausa a tempo indeterminato. A cara grazia riesco a prendere la chitarra quella volta che (hallelujah!) ascolto in radio una canzone “chitarrabile” che mi fa venire voglia di cercarmi gli accordi.

6 – Quale genere di lettura preferisci? Compri libri usati? Metti in ordine di preferenza tra cartaceo, ebook, audiolibro?

Sono un amante del romanzo poliziesco e delle sue derivazioni (thriller, noir…) e con King ho scoperto anche il mio lato “horror”. Diciamo che amo tutto ciò che dà Suspense, ma tengo sempre un occhio alla narrativa contemporanea. Compro anche libri usati se in stato accettabile, e ultimamente sto usufruendo anche degli audiobook.

Ovviamente la mia preferenza va soprattutto al cartaceo, riservo un pari merito a ebook e audiobook, con la sola differenza che posso usufruire degli audiobook anche mentre guido o faccio altro. Ragion per cui ultimamente gli ebook son diventati un po’ il fanalino di coda 😅

7 – Un libro che hai letto in pochissimo tempo e uno che hai letto in tantissimo tempo?

Un libro che ho letto in pochissimo tempo è stato “Misery” di Stephen King: ci avrò messo 2-3 giorni e nelle ultime 150 pagine ero così rapito da riuscire a leggerle viaggiando in macchina con i miei senza soffrire il mal d’auto.

Quello che ho letto in più tempo… potrei dire un’antologia di racconti di fantasmi della Newton Compton, ma leggevo un racconto ogni tanto tra un libro e un altro e si trattava pur sempre di un tomo di mille pagine, quindi punto l’indice contro… “Tre metri sopra il cielo” di Federico Moccia (ebbene sì, confesso: l’ho letto, mannaggia a me!). Tre mesi per leggere 300 pagine!!! Era insostenibile! Per finirlo (e restituirlo alla legittima proprietaria che me lo prestò) ho dovuto intervallarlo con altri libri🤦🏻‍♂️

8 – Ci puoi raccontare, se c’è, un aneddoto come book blogger?

A parte la bellezza di riconoscersi e reincontrarsi tra noi bookblogger alle varie fiere del libro (speriamo di poter tornare a vivere quei momenti felici al più presto!) c’è l’essermi interessato, assieme ad altre amiche bookblogger napoletane, nell’organizzare la presentazione del romanzo di Giulia Ciarapica a Napoli! È stato un momento felicissimo! 😄

9 – Quali sono i tuoi autori e libri preferiti: puoi citarmene un paio?

Come autori, oltre ai già citati King, Camilleri e de Giovanni, includo Stefano Benni, Sandor Marai… tra i miei libri preferiti dico Moby Dick, Frankenstein e IT.

10 – Infine una curiosità: qual è stato il tuo ultimo libro che hai comprato e/o letto?

Un bellissimo thriller norvegese: “Memorie di un rettile” di Silje O. Ulstein. Consigliatissimo!!!😃😃😃

Grazie di aver risposto alle mie domande

A presto !!!

Gabrio

Share:

Scrivi un commento