Recensioni

Come un libro aperto

Titolo: Come un libro aperto

Autore: Miriam Tritto

Editore: Hop! Edizioni

Collana: 20

Pagine: 88

Prezzo: € 18,00

Uscita: 1 novembre 2019

Recensione

“Come un libro aperto” è una chicca che non potete e non dovete perdervi. Ora vi spiego perché.

Prima di tutto ha un formato che si distingue dai soliti libri e ciò permette di godersi meglio tutto quello che trovate al suo interno e cioè un mix di testo, più diverse illustrazioni. I testi sono in un carattere assai particolare ed originale che vi stupirà.

Il titolo deriva da una passaggio di Emily Dickinson:

“Non riporre il filo e l’ago. Voglio parlarti come un libro aperto”

La parte scritta riguarda diverse interviste immaginarie, per la precisione ben venti, a personaggi molto famosi della letteratura, che tutti noi amiamo ed apprezziamo

Quest’opera come scrive l’autrice nell’introduzione:

“nasce dall’esigenza di porsi delle domande, sulla vita, sul mondo in cui viviamo e sul nostro tempo; rivolgerle agli scrittori che hanno fatto la storia della letteratura è un pretesto per entrare in dialogo con loro dandogli una voce, pur con una libera interpretazione del loro pensiero e con aggiunte, resesi necessarie dalle esigenze di scrittura….”

I nomi presenti al suo interno sono davvero molto interessanti ed importanti, infatti, leggendo questo libro vi sentirete a casa ed elettrizzati da tali personaggi. Tra questi: Emily Dickinson, Italo Calvino, Virginia Woolf.

Ma addentriamoci meglio in quest’opera.

Ad ognuno dei venti personaggi presenti sono dedicate ben 4 pagine. Nelle prime due si può leggere l’ironica e gradevole intervista immaginaria che è posta come una conversazione tra amici. Nelle pagine successive si trova, invece, una particolare scheda biografica seguita dalla meravigliosa illustrazione che rappresenta il personaggio in questione. Proprio con quest’ultima, secondo me, Miriam Tritto dà il meglio di sé. Sono illustrazioni veramente mozzafiato, molto ben curate nei dettagli ed assolutamente particolari nel loro genere.

Queste venti interviste immaginarie ci intrattengono nel modo migliore possibile, facendoci anche sorridere e coinvolgendoci parecchio, sia perché sono ben scritte, sia per le loro schede ed illustrazioni. Tutto è realizzato da Miriam Tritto che dimostra grandi capacità, sia con la scrittura che con la matita.

Ovviamente, come avrete intuito, sono rimasto entusiasta da “Come un libro aperto” infatti lo faccio rientrare nel gruppo di quei libri che chiamo “gioiellini” perché sono assolutamente speciali, da collezione e da tenere su una mensola speciale della nostra libreria ed in bella vista.

Inoltre il libro è molto ben curato, sia nella carta, che nei singoli dettagli quindi i miei complimenti vanno anche alla casa editrice “Hop!” oltre, ovviamente alla bravissima Miriam. Mi sento, quindi, di consigliarvelo assolutamente, sia per voi, che come regalo che sarà sicuramente apprezzato per la sua particolarità ed eleganza.

Trama

E se potessimo parlare con Italo Calvino, Mary Shelley, Agatha Christie, Hermann Hesse, Emily Brontë, Lewis Carroll, Edgar Allan Poe, Virginia Woolf o J.R.R. Tolkien?

Qualcuno ci ha provato… Conoscere la personalità, il pensiero e l’opera dei maestri indiscussi della letteratura mondiale in modo inedito è possibile, attraverso interviste immaginarie che, con un eccezionale salto temporale, pongono al cospetto dei geni della scrittura un’intervistatrice che compie viaggi onirici.

Ne nasce un dialogo denso e originale che aiuta a farsi domande sulla vita, sul mondo in cui viviamo e sul nostro tempo, attraverso la libera interpretazione del pensiero di ogni celebre intervistato. Accompagnano i testi accuratissime illustrazioni a grafite che aprono sul cuore di ogni personaggio uno dei suoi capolavori e risucchiano il lettore dentro il suo mondo, a cui si può accedere così “come a un libro aperto”.

Share:

1 comment

Scrivi un commento