Recensioni

Come un padre

Titolo: Come un padre

Autore: Marco Martani

Editore: DeA Planeta libri

Collana: Narrativa italiana

Pagine: 444

Prezzo: € 16,00

Uscita: 5 marzo 2019

Recensione

Devo ammettere che aver avuto l’occasione di leggere “Come un padre” mi ha permesso di non perdere un thriller davvero straordinario, infatti mi ha conquistato subito e mi sono immerso nella storia con grande piacere, girando le pagine con frenesia e dalle quali ho fatto fatica a staccarmi ogni volta che dovevo tornare ai miei impegni giornalieri.

Marco Martani ha la grandissima capacità di scrivere in modo assolutamente molto coinvolgente, scorrevole, dosando bene i colpi di scena e qui, di questi, ne troviamo in abbondanza.

I personaggi sono curati e descritti in maniera dettagliata, inoltre la storia è ricca di avventura, di scene a volte forti, ma assolutamente veritiere e ben calibrate, di sentimenti di vario genere, di vita e di morte.

Orso, il braccio destro di Rosso (un boss marsigliese) è il protagonista di “Come un padre” e, a mio avviso, è un personaggio fantastico, a 360 gradi, forte, romantico, deciso, istintivo, che sa affrontare con tenacia ogni singolo evento della sua vita riuscendo a reagire nel modo che ritiene più consono, devo quindi ammettere che mi ha davvero folgorato con le sue vicende ed il suo carattere così variegato e ben marcato.

Da una parte è spietato e freddo nelle sue azioni, dall’altra parte risulta affettuoso, premuroso e ricco di consigli per chi riesce a scalfire la sua corazza: in questo caso, per esempio, il piccolo Matteo, al quale insegna come sopravvivere ai problemi della vita e al bullismo (ottime queste scene) e sua madre Elsa che aiuta in vari momenti della storia.

Ci si affeziona a Orso, nonostante tutto, anche se compie a volte azioni violente, si ha il desiderio di seguire le sue vicende, si è conquistati dal suo carisma. Complimenti all’autore per aver dato vita a un personaggio di tale spessore e spero vivamente che possa regalarci altre avventure con lui protagonista.

Ciò che poi c’è di bello di questo libro è che nulla è scritto per colpire a tutti i costi, perché si viene subito catturati dalla scrittura, dalla storia che non molla il lettore perché sa tenere viva l’attenzione, infatti non troverete mai un momento di noia o sottotono. Anche gli altri personaggi sono elementi che danno a “Come un padre” un loro fondamentale contributo, arricchendo la storia e creando quel ritmo di cui vi innamorate.

Orso si troverà spesso davanti a un bivio dove dovrà scegliere come agire ed è sempre interessante constatare la sua tenacia, il suo modo di vivere e di comportarsi. Una storia, senza tregua e ricca di azione, imprevisti, momenti inaspettati, che vede presenti anche vari tipi di legami, da quelli affettivi e familiari, a quelli di amicizia passando per quelli lavorativi. Tutti dosati e ricchi di messaggi. Marco Martani scrive e racconta scene schiette, sincere in un modo davvero interessante. Riesce a sorprenderci per tutta la durata del libro, infatti, vi assicuro che difficilmente riuscirete a prevedere le sue mosse e le azioni dei vari protagonisti.

Ebbene sì è uno dei libri che si conquista subito il mio podio del mese di marzo.

Concludo con un passaggio:

“Orso si rivolse a Matteo, visibilmente preoccupato di passare accanto al gruppo. –Non li ignorare. Non fingere che non ci siano. Guardali come si guarderebbe una merda sotto la suola di una scarpa.- Matteo finse di non sentire ma poi, quando furono proprio vicini al gruppetto, sollevò lo sguardo dal marciapiede. Solo un attimo, Poi lo abbassò di nuovo, controllandosi accuratamente le All Star.”

Trama

Per chiunque, anche per il più spietato dei killer, prima o poi arriva il momento di guardarsi dentro e fare i conti con la propria natura. Per Orso, braccio destro dello spietato boss marsigliese conosciuto come il Rosso, quel momento viene dopo un infarto e la scoperta di non essere immortale. Orso.

Lo chiamano così per il corpo possente e l’istinto da predatore solitario, ma a battergli nel petto è il più umano dei desideri: poter rivedere la donna che un tempo ha amato, e la loro figlia ormai adulta. Infatti, per proteggerle dall’organizzazione per cui lavorava, ha dovuto accettare un patto terribile: abbandonarle per sempre, rinunciare persino a parlarne, e continuare a servire il Rosso.

Per tutta la vita Orso non ha fatto altro, diventando un guerriero infallibile. Di più, una leggenda. Ma ora, in virtù della loro amicizia, chiede al boss un aiuto a colmare quel vuoto. Un aiuto che non arriva. Il Rosso lo vuole ancora al suo fianco. Orso decide di andare lo stesso. Si trova così diretto verso l’Italia, con in mano una foto e il nome del paese dove le due donne vivono, e dove potrebbe deporre le armi una volta per sempre. Non può immaginare che le porte del suo inferno personale, anziché chiudersi, si sono appena spalancate.

 

Share:

1 comment

Scrivi un commento