Recensioni

Il papavero reciso

Titolo: Il papavero reciso

Autore: Emanuele Loreti

Editore: Gruppo Albatros Il Filo

Collana: Nuove voci. Strade

Pagine: 334

Prezzo: € 16,50

Uscita: 31 marzo 2022

Recensione

“Il papavero reciso” è il romanzo d’esordio di Emanuele Loreti, pubblicato da “Gruppo Albatros Il Filo” e con la prefazione di Barbara Alberti.

Devo ammettere che ero molto curioso di leggerlo e di scoprire la sua penna, oltre alla vicenda narrata. Il problema è che mi ero fatto un’idea di come potesse essere la storia e, invece, me ne sono trovata un’altra. A volte capita a noi lettori. Spero di non essere l’unico.

Per quanto riguarda la scrittura devo ammettere che Emanuele Loreti scrive, a mio avviso, molto bene. Ѐ preciso, dettagliato, incisivo e ha dato vita a dei personaggi molto carismatici ed interessanti. Nel romanzo si affrontano i temi politici e storici, forse per questo motivo, non essendo un appassionato del genere, non l’ho trovato molto nelle mie corde, seppure la storia fosse stimolante ed istruttiva.

La sua penna è talmente mordente che, per chi non è dentro negli argomenti trattati, può risultare non del tutto leggera, pur essendo tutto ben narrato. Di sicuro “Il papavero reciso” non è un romanzo che rientra tra quelli di svago, ma è un libro impegnativo, che fa riflettere, quindi può essere anche stimolante, oltre a proporre tematiche utili e severe.

L’autore è stato in gamba a scrivere una storia del genere, perché penso che non sia facile raccontare in modo così preciso ed istruttivo. Ciò che ho trovato maggiormente interessante, per quanto riguarda i miei gusti e le mie preferenze di lettore, è stata l’amicizia di Phil e di Alex, sono loro, secondo la mia visione, il punto forte del romanzo.

Inoltre, anche il ritmo è stato abbastanza di mio gradimento, ma a fasi alterne, perché a volte si è rivelato veloce, rendendo la vicenda maggiormente scorrevole. Alcuni passaggi, invece, si sono dimostrati per me meno appassionanti e meno fluidi, ma ripeto che ciò dipende dai miei gusti personali e dal fatto che mi sono trovato ad affrontare una storia molto diversa da come avevo immaginato.

Mi farebbe piacere sapere un vostro parere, quindi per questo vi invito a leggerlo e a scoprire la scrittura di Emanuele Loreti in questo suo primo romanzo. Inoltre, un altro motivo per cui vi invito procurarvi una copia del libro è perché, con l’acquisto del romanzo, si aiuta la casa editrice a sostenere il progetto “Impresa amica dell’Unicef”.

Vi propongo, qui sotto, l’incipit del prologo

“Mi ero svegliato presto quella mattina, erano giusto le prime luci di mezzogiorno, non sono mai stato uno di quelli che passano ore nel letto a girarsi e rigirarsi e a rimuginare prima di alzarsi, una volta sveglio ero sveglio. Mi stirai al massimo delle possibilità fornitemi dalla brandina in cui dormivo. Brandina che oramai stava diventando troppo piccola, non ero più un bambino diamine, allungai il braccio e diedi un colpo a Phil.

Avevo sentito Alex svegliarsi ed ero pronto a parare il pugno che mi era puntualmente arrivato, ero già sveglio ovviamente, stavo riflettendo, quello era uno di quei giorni no in cui i miei pensieri vagavano liberi e non riuscivano a focalizzarsi su nessun punto. Non avrei fatto niente di costruttivo quel giorno, me lo sentivo. Mi alzai controvoglia e seguii il mio amico di sotto cercando di guardarmi attorno il meno possibile, odiavo la nostra “casa”, quella specie di locanda. occupata dalla nostra “famiglia”, poteva bruciare per quanto mi riguardava, una struttura vecchia, brutta e fumosa…”

Trama

Qual è il sentimento più forte che alberga nell’animo di una persona? Quello in grado di permettere di superare ogni avversità che la vita ci mette di fronte? In molti diranno l’amore… In realtà è l’ambizione. Phil e Alex sono due ragazzini che vivono in una piccola “comunità” di orfani, sfruttati per commettere furti e piccoli reati. Proprio quando sembrano sul punto di acquisire la loro agognata libertà, l’ultimo lavoro che dovevano svolgere li mette nei guai. Costretti a separarsi, vengono portati a intraprendere due strade completamente diverse… Ci vorranno anni prima che i due ragazzi tornino a incontrarsi e la loro ambizione non si è minimamente placata… A cosa li porterà?

Share:

Scrivi un commento