Recensioni

Inferno dentro

Titolo: Inferno dentro

Autore: Claudio Marcaccini

Editore: Haiku Edizioni

Collana: Blues

Pagine: 233

Prezzo: € 12,50

Uscita: 30 novembre 2018

Recensione

Se avete voglia di leggere un thriller, di quelli forti e con diversi colpi di scena, allora vi propongo “Inferno dentro”, scritto da Claudio Marcaccini e pubblicato dalla casa editrice “Haiku Edizioni”.

Al suo interno sono presenti più storie collegate dal protagonista: l’ispettore di polizia Rolando Lanzi. Durante la lettura si impara a conoscerlo, sia nei suoi pregi, che nei suoi difetti.

La penna dell’autore è molto avvincente ed appassionante, assai carica di eventi che si susseguono con brio e velocità, a volte risultano anche intensi e non previsti, in modo da provocare, al lettore, una bella dose di adrenalina. Sicuramente è molto scorrevole. All’inizio, forse, è necessario entrare nell’ottica di come è organizzato il libro, ma poi tutto si legge con grande trasporto e curiosità. Ovviamente, per appassionarsi a “Inferno dentro” e gustarlo al meglio, occorre amare il genere.

Il linguaggio, a volte, è giustamente colorito, ma ciò, come dico spesso in questi casi, serve per rendere tutto più credibile e vero. Sicuramente Rolando Lanzi, col suo carattere e il suo modo di agire, è il punto forte di tutto il romanzo. Inoltre, scopriamo, tra i vari misteri, pure quello che avvolge sua moglie. Il ritmo è a tratti frenetico, proprio come piace molto a me, e ciò è dovuto anche alla notevole presenza di dialoghi che, appunto, rendono tutto più veloce e scattante.

Dalla quarta di copertina:

“Ricordati bene questa faccia, memorizzala. Perché da oggi in poi per te diventerà un incubo”

I temi che Claudio Marcaccini ci propone nel suo libro e sui quali indaga l’ispettore sono diversi e, a volte, anche forti. Ciò regala alla lettura una maggior tensione e stimola il lettore nel procedere con grande velocità perché si è catturati dalla storia avvincente e dagli avvenimenti che si susseguono come un fiume in piena. Inoltre, ad un certo punto, fa il suo ingresso anche un po’ di soprannaturale che dona un gusto amaro alla storia, oltre ad un filo di paura.

Quindi “Inferno dentro” non è il classico thriller, ma ha al suo interno pure un po’ di noir, di horror. Tre generi che, messi insieme, regalano una lettura assolutamente scoppiettante e ben stimolante.

Se avete voglia di un libro che vi tenga svegli e vi provochi qualche brivido, allora “Inferno dentro” è quello giusto per voi.

Qui sotto vi propongo l’incipit:

“Appena fuori dal capannone vedo che il parcheggio si è riempito di ambulanze e di macchine della polizia, vedo Fabrizio, Flavio, Roberto, Marco, Mara, Lara, ci sono tutti, anche Gerry e Red.

Ha ripreso a piovere, alzo il viso verso il cielo e apro la bocca per bere qualche goccia di pioggia. Ho una sete tremenda e l’acqua bagnandomi il viso mi fa riprendere un po’ le forze. Abbracciato a Mia avanzo verso di loro, la gamba destra la trascino come fosse una protesi, mentre il braccio sinistro è penzoloni lungo il corpo, intorpidito…”

Trama

Roma è ricca di storia, splendore, arte, ma anche di piccoli e grandi orrori quotidiani. Lo sa bene Rolando Lanzi, ispettore di polizia esperto, ostinato e ribelle, quotidianamente alle prese con prostituzione, bande di quartiere, omicidi efferati e lo squallore delle periferie della capitale.

Da anni Rolando conduce indagini non autorizzate sul caso archiviato della morte di sua moglie, Marzia, scomparsa in circostanze misteriose. Una svolta inaspettata lo porterà a immergersi nel lato più oscuro della città, tra le sette esoteriche più radicali, in una strada spianata tra Roma e l’Inferno stesso, dove la caparbietà non sempre è sufficiente per salvare l’anima.

Share:

Scrivi un commento