Recensioni

La guerra degli scrittori

Titolo:  La guerra degli scrittori

Autore: Kempes Astolfi

Editore: Prospettiva Editrice

Pagine: 490

Prezzo: € 16,00

Uscita: 25 maggio 2019

Recensione

Ho avuto il piacere e l’onore di leggere questo libro in anteprima (infatti mi troverete citato nella parte dei ringraziamenti insieme agli altri blogger) partecipando ad un progetto molto particolare, originale ed unico. Ed ora che ho la mia copia definitiva in mano de “La guerra degli scrittori” è per me una grande emozione rivivere i bellissimi ed intensi momenti di qualche tempo fa quando lessi, insieme ad altri book blogger, la bozza che girava tra di noi ed in cui annotavamo e sottolineavamo.

Questo è il sesto libro dell’autore, ma è il primo che leggo e considerato il fatto che mi è piaciuto, dovrò, a questo punto, recuperare anche gli altri.

La storia ha come protagonisti principali Ethan, Ryan e Connie. Personalmente sono rimasto maggiormente affascinato dal ruolo di quest’ultima, sia per il suo carattere, che per il suo modo di agire e di comportarsi.

La vicenda è davvero molto singolare, assai innovativa ed interessante. Si legge come un fiume in piena perché cattura il lettore e lo affascina con i vari intrecci e le avventure di diverso genere che avvengono nel corso dei capitoli.

La storia, inoltre, è ben curata nei minimi particolari e dettagli e, anche per questo, ne sono rimasto assai affascinato. Si percepiscono la passione e il tempo che l’autore Kempes Astolfi ha dedicato per scriverla.

Infatti, partendo già dalla copertina, si è invogliati ad iniziarlo e vi assicuro che all’interno verrete conquistati da ciò che viene narrato e che troverete affascinante, misterioso e pieno di colpi di scena.

Vi suggerisco di leggere attentamente anche il prologo, so che a volte qualcuno storce il naso e lo salta, ma in questo caso, come dicevo, nulla è messo a caso, ma tutto è ben curato e selezionato.

Inoltre i salti temporali, che a volte in alcuni libri possono risultare un pochino complicati da seguire durante la lettura, qui si riescono a gestire bene e regalano alla lettura quel giusto tocco avvincente e tecnicamente necessario.

Tutto scorre in modo interessante, ma per mio gusto personale i vari pezzi dei testi delle canzoni, che si incontrano tra le pagine, mi hanno ogni tanto distratto dalla lettura, infatti, come sapete (dato che l’ho già scritto in altre recensioni) non amo particolarmente che vengano inseriti. Qui però la scelta dell’autore è giustificata maggiormente perché una delle caratteristiche che rendono unico il libro è proprio l’aspetto musicale dato che a “La guerra degli scrittori” è affiancata una colonna musicale composta da quattro canzoni che nascono proprio dentro al romanzo e che possono accompagnare la lettura donandogli quella giusta atmosfera sonora di sottofondo.

Una volta concluso di leggere il libro, vi consiglio di non fermarvi alla fine della storia, ma di continuare nella lettura perché troverete altre pagine assolutamente molto interessanti e ricche di notizie ed informazioni.

Tra i passaggi che mi hanno colpito vi propongo il seguente:

“Come saprai, ci sono tanti tipi di sensibilità, ma quella davvero potente si potrebbe tradurre nella predisposizione a sentire e vivere le stesse emozioni provate dagli altri, dentro di te. Sensibilità vuol dire sapere capire gli altri. Capisci, ragazzo? La spocchia, la strafottenza e l’insolenza con gli anni passano. Si fa spazio qualcosa di nuovo dentro le nostre anime, e tutti gli essere umani primo poi ci passano. Si chiama sensibilità…

..Andando ancora più a fondo, la sensibilità si trasforma in empatia. Sì empatia. è questa in particolare la forza che sposta gli equilibri a proprio favore…

…L’empatia  è quella forma estrema di sensibilità dove si sviluppa in maniera esponenziale la capacità di comprendere lo stato d’animo altrui. In alcuni casi addirittura viverlo con tutti i pro e i contro che questo può comportare..”

Trama

Ethan e Ryan, il futuro di un ragazzino complicato riflesso nel passato di un uomo alla ricerca di redenzione. Sullo sfondo di una Ellicott City del 1988, piccola realtà di provincia degli Stati Uniti, l’assistente sociale Connie Henderson crea un ponte di collegamento tra il ragazzo e il presunto nonno.

L’intreccio di intense storie conduce presto in un racconto nel racconto, proiettando lo scenario nel 1975. Inizia così, la narrazione della più grande sfida letteraria di tutti i tempi, “La Guerra degli Scrittori”, una gara a colpi di creatività che porterà i protagonisti a trascendere i loro limiti fino all’estremo e oltre.

Oltre l’Infinito: un Infinito Doppio.

Share:

1 comment

Scrivi un commento