Recensioni

L’annusatrice di libri

Titolo: L’annusatrice di libri

Autore: Desy Icardi

Editore: Fazi

Pagine: 407

Prezzo: € 10,00 (fino al 31/03) poi € 16,00

Uscita: 28 febbraio 2019

Recensione

“L’annusatrice di libri”: un titolo che cattura subito l’attenzione e che richiama a sé i lettori. Anche io ne sono rimasto folgorato e ho deciso di leggerlo il prima possibile.

Una storia molto originale e coinvolgente, specialmente la seconda parte.

La scrittura di Desy Icardi conquista immediatamente per il suo modo di raccontare gli eventi e la vicenda. I personaggi narrati vengono descritti caratterialmente bene e diventa interessante leggere come mutano e crescono.

La protagonista è una ragazzina di quattordici anni di nome Adelina che ha la dote di leggere i libri annusandoli, a differenza di molti di noi che amano annusarli per il loro profumo inebriante, ma se per noi è come una mania alla quale non sappiamo resistere, per lei, invece, è un mezzo per scoprire nuove storie dato che altrimenti non potrebbe soddisfare la sua voglia di lettura.

“L’annusatrice di libri” ha al suo interno anche un alternarsi di capitoli tra presente e passato in qui si racconta in questo secondo caso, la storia di Amelia (e del suo lavoro in una compagnia teatrale), la zia di Adelina, con la quale vive e con cui i rapporti sono particolari. Un altro interessante personaggio è la migliore amica e compagna di scuola della ragazzina: Luisella che ha un padre freddo e calcolatore con un piano in mente.

La storia è assolutamente molto avvincente, con alcuni colpi di scena e diversi titoli di libri che fanno la gioia di noi amanti della lettura. Tra i vari che vengono citati vi segnalo: “Tre uomini in barca”, “Decameron”, “Jane Eyre”, “Orgoglio e pregiudizio” “Bel ami” e molti altri.

Per chi ama profondamente i libri si riconoscerà in alcuni passaggi e resterà davvero incantato da questa magica e particolare storia. Per me è stata una deliziosa lettura, in particolare ho preferito la parte in cui si raccontava la vicenda con protagonista Adelina, rispetto a quella del passato in cui vedeva la zia al centro della storia, anche se, indubbiamente, pure questa è servita per capire meglio la storia.

La lettura diventa sempre più appassionante e coinvolgente, man mano che si procede nei capitoli, grazie anche ad una certa dose di giallo e di avventura. Inoltre ho gradito certe spiegazioni che non sto a raccontarvi per non rovinarvi il libro, ma ringrazio l’autrice per il suo modo accurato e preciso di scrivere, senza lasciare mai nulla al caso, ma raccontare al lettore i giusti e dovuti chiarimenti.

Un libro magico ed incantevole che consiglio a tutti, infatti sono certo che vi appassionerà e vi affezionerete ad Adelina e al suo mondo fatto di letture non solo col naso, ma anche col cuore.

Il mondo dei libri è appassionante, coinvolgente ed molto entusiasmante. Leggere fa stare bene, ci migliora e ci regala emozioni, oltre a completarci. Inoltre i libri danno la possibilità di scoprire nuove storie e di instaurare nuove amicizie con chi condivide questa speciale passione.

Ovviamente durante la lettura non ho potuto far a meno di annusare il libro che per me è qualcosa di molto rilassante e di piacevole.

I passaggi appassionanti e stimolanti che si trovano all’interno de “L’annusatrice di libri” sono diversi, ho scelto quello in cui mi rispecchio moltissimo… praticamente sono io:

“-Lei annusa i libri in pubblico?-  – Cerco di evitarlo, ma qualche volta mi scappa – Ammise con una lieve risata. – Per esempio, quando entro in una libreria non so resistere a quel buon odore di carta fresca di stampa-“…

Trama

Torino, 1957. Adelina ha quattordici anni e vive con la zia Amalia, una ricca vedova, parsimoniosa fino all’eccesso, che le dedica distratte attenzioni. Tra i banchi di scuola, la ragazza viene trattata come lo zimbello della classe: alla sua età, infatti, non è in grado di ricordare le lezioni e ha difficoltà a leggere. Il reverendo Kelley, suo severo professore, decide allora di affiancarle nello studio la brillante compagna Luisella.

Se Adelina comincerà ad andare meglio a scuola, però, non sarà merito dell’aiuto dell’amica ma di un dono straordinario di cui sembra essere dotata: la capacità di leggere con l’olfatto. Questo talento, che la ragazza sperimenta tra le pagine di polverosi volumi di biblioteca, rappresenta tuttavia anche una minaccia: il padre di Luisella, un affascinante notaio implicato in traffici non sempre chiari, tenterà di servirsi di lei per decifrare il celebre manoscritto Voynich, “il codice più misterioso al mondo”, scritto in una lingua incomprensibile e mai decifrato.

Se l’avidità del notaio rischierà di mettere a repentaglio la vita di Adelina, l’esperienza vissuta le lascerà il piacere insaziabile per i libri e la lettura.

Share:

1 comment

  1. anna paola maga 6 marzo, 2019 at 13:48 Rispondi

    ma che titolo strano ! proverò anch’io perchè mai fatto !

    però…. vien proprio voglia di leggerlo, dopo la tua recensione !!!!

Scrivi un commento